articoli, curiosità

L’attore che ha recitato Robocop è ora uno storico dell’arte

e sta tornando a Detroit per affrontare una nuova minaccia: “The Crisis of Beauty”. L’attore e storico dell’arte Peter Weller partecipa alla conferenza di Detroit del Culture Lab di questo autunno con Amy Sherald, Anicka Yi e altri.

l’attore Peter Weller nel film Robocop , 1987

Il thriller fantascientifico del 1987  Robocop racconta la storia di una risurrezione miracolosa, di un poliziotto ucciso che si trasforma in un cyborg criminale. Ma pochi sanno che dietro la storia di Robocop c’è un’altra reincarnazione professionale che è quasi altrettanto sorprendente.

Si scopre che Peter Weller, l’attore che ha interpretato Robocop, è diventato uno storico dell’arte. Tornò a scuola nel 2004, all’età di 57 anni, e conseguì un master in arte romana e rinascimentale presso l’Università di Syracuse, seguito da un dottorato in storia dell’arte del Rinascimento italiano presso l’UCLA nel 2013. Da allora, ha diviso il suo tempo tra recitazione, produzione e storia dell’arte. (È anche apparso nell’adattamento cinematografico del 1991 di David Cronenberg  Naked Lunch  e nel film di culto del 1984  The Adventures of Buckaroo Banzai Across the 8th Dimension .)

Questo autunno, Weller tornerà a Detroit, nel set di Robocop , nel suo nuovo ruolo. La sua missione? Per presentare la prima notte della conferenza di Culture Lab di Detroit con una presentazione sulla bellezza nell’arte rinascimentale.

Peter Weller, 2017. Foto di Stefanie Keenan / Getty Images per Uplift Family Services.

“Crisis of Beauty” è il tema della conferenza di quest’anno, un evento annuale che riunisce artisti e pensatori per un weekend di progetti e dibattiti pubblici l’11 e 12 ottobre.

Come negli anni precedenti, il tema di questa edizione è stato selezionato per la sua “rilevanza per i titoli”, Jane Schulak, fondatrice di Culture Lab Detroit, dice ad artnet News in un’email. Le precedenti conferenze si sono concentrate su argomenti come l’era “post-verità” e i “muri” istituzionali che definiscono la nostra vita quotidiana. Tra gli altri partecipanti , Hilton Als, Coco Fusco, Trevor Paglen e Theaster Gates .

“Abbiamo scelto il tema di quest’anno perché notiamo una radicale rivalutazione degli standard e la definizione della bellezza che accade nell’arte e nella narrazione”, afferma Schulak. “Chi determina cos’è la bellezza? È una domanda che vedi recitare in arte, tecnologia, politica, Hollywood e così via. ”

La folla al Culture Lab di Detroit nel 2015. Per gentile concessione di Culture Lab Detroit.

La prima notte includerà un panel su “The Estetica of Tomorrow” e vedrà la partecipazione di Mark Pauline, artista e fondatore di Survival Research Laboratories; architetto Eyal Weizman; e l’artista Anicka Yi. Si modererà Yesomi Umolu, curatore all’Università di Chicago e direttore della Biennale di Architettura di Chicago del 2019.

La seconda notte della conferenza presenta un panel sulla formazione e l’esibizione dell’identità intitolata “Vedere e essere visti” con il critico e regista, il sogno di Hampton, l’artista e musicista Juliana Huxtable e la pittrice Amy Sherald. Sarà moderato da Jazmine Hughes, editore associato del The New York Times Magazine .

Da sinistra: Eyal Weizman, Anicka Yi e Mark Pauline. Per gentile concessione di Culture Lab Detroit.

Questa è la sesta edizione della conferenza di Schulak. “La cosa principale che è cambiata nel corso degli anni, oltre al tema, è stata la città stessa”, dice. “Ci sono ancora molte sfide, ma sono sorte nuove soluzioni e voci. Abbiamo assistito a uno spostamento nella narrativa di Detroit. In molti modi, è una storia sulla bellezza della resilienza – ed è una storia che molte persone hanno combattuto duramente per dire “.

Da sinistra a sinistra: Amy Sherald, Juliana Huxtable e sogno Hampton. Per gentile concessione di Culture Lab Detroit.

In effetti, il libro su Detroit è ancora in fase di scrittura e sembra che la città non abbia bisogno di ufficiali cyborg in qualunque momento presto.

By Taylor Dafoe – Artnrt.com

Rispondi