articoli, curiosità

Hai bisogno di essere nudo per apprezzare davvero un’opera d’arte? Abbiamo partecipato a un tour dei musei nudisti per indagare

artnet News si unisce a un gruppo di naturisti in una visita “vestiti facoltativi” alla Galleria Towner.

Foto di David Owens per artnet News.

Ci sono alcune cose che non ti accorgi delle gallerie d’arte finché non sei in una stanza completamente nuda. Quando sabato sera ho visitato la Towner Gallery di Eastbourne con un gruppo di nudisti, ho scoperto che le condizioni di illuminazione, per esempio, sono ottimizzate per la visualizzazione dettagliata di ogni angolo. Poi c’è la temperatura, mantenuta bassa per conservare l’arte, ma non ideale per preservare il calore naturale del proprio corpo. Ma hey, almeno in casa non devi preoccuparti di scottature o punture di zanzara.

Foto di David Owens per artnet News.

“Molte persone scoprono probabilmente il naturismo in una spiaggia per nudisti all’estero durante le vacanze estive e lo associano così al prendere il sole e ad immergersi”, dice Philip Baker, il tesoriere del Naturist Swim Club di Eastbourne , che ha organizzato l’evento in collaborazione con il naturismo britannico .

“In effetti, i naturisti amano fare le stesse cose che fanno tutti, ma preferiscono essere nudi”, spiega Baker. Visitare una galleria d’arte è stata una scelta naturale per un’attività, dice, “è semplicemente qualcosa che fanno molte persone”.

Un assistente di galleria decisamente disinformato di nome Michael, che indossava una maglietta e jeans David Bowie , ha accolto un gruppo di circa 30 persone nello spazio. Guardandomi dritto negli occhi, mi dice che è la prima volta che vede un gruppo di naturisti (per esempio, i nudisti), ma aggiunge che è “di larghe vedute”.

Foto di David Owens per artnet News.

Non è così per alcune delle altre gallerie che Baker si è avvicinato a questa ricerca, compresa Tate Britain, che ha ignorato diverse richieste di organizzare una visita naturista alla sua mostra ” All Too Human “. Il direttore del Towner, Joe Hill, tuttavia, aveva tutte le orecchie.

” Abbiamo pensato che fosse una grande idea”, afferma Hill, “perché per noi è importante che la galleria sia uno spazio sicuro per tutte le comunità e che tutti abbiano l’opportunità di godersi le nostre mostre”.

“Sono aperto e indifeso”

I partecipanti erano un miscuglio di appassionati d’arte e altri più interessati all’aspetto sociale del giorno. Alcuni hanno rivelato di aver scoperto tutto in un contesto artistico prima di essersi esposti alla lente dell’artista statunitense Spencer Tunick per il suo paesaggio nudo di massa The Sea of ​​Hull , quando la città del nord inglese festeggiava l’anno come capitale della cultura del Regno Unito.

Foto di David Owens per artnet News.

“Eventi come questo combinano due passioni: l’arte e l’essere nudi”, mi dice Rika Evans, membro in pensione del Consiglio di Borough di Eastbourne. Evans afferma di essere stata inclusa nell’annuario del debutto 2017 del fotografo e artista di moda Amelia Allen, Naked Britain , il risultato di due anni di riprese nelle comunità naturiste del Regno Unito. Lo scorso novembre, la Herrick Gallery di Londra ha aperto le sue porte per una visione naturista di una mostra di foto dal libro di Allen.

A quanto pare, le visualizzazioni di nudo artistiche non sono così rare come si potrebbe pensare.

Altri membri del gruppo menzionano di essere stati invitati a una mostra di arte nuda del 2013 alla Guerilla Galleries di Hackney, a Londra, e di assistere a spettacoli della nuda performance dell’artista Lucy Muse . Nel 2010, la Wellcome Collection di Londra ha anche invitato il naturismo britannico a partecipare a un tour facoltativo per l’abbigliamento di una mostra sulla pelle . Più lontano, mi hanno detto, eventi simili erano accaduti in Austria, in Australia e persino in California. Nel 2016, l’artista Stuart Ringholt ha persino offerto tour nudi di Art Cologne per i più avventurosi collezionisti.

Foto di David Owens per artnet News.

Al Towner, un attore, Colin, mi dice che è nuovo al naturismo ma si descrive come un amante dell’arte.

“Sto assolutamente amando l’esperienza di assorbire la pittura e le opere d’arte nudi”, dice mentre ammiriamo scene religiose dipinte dall’artista impressionista Edward Stott, che spesso usava i paesani locali in vari stati di spogliarsi come modelli per i suoi dipinti. “Sono aperto e indifeso”, dice Colin. “La mia mente si acquieta e sento diverse prospettive cognitive ed esperienziali che mi si aprono”.

Una prospettiva nuda?

Foto di David Owens per artnet News.

Mentre ci spostiamo attraverso le gallerie, mi chiedo quali nuove prospettive potrebbe essere il mio stato non censurato. Al piano superiore, in una mostra sulla fotografia aerea, sono colpito da un’immagine satellitare censurata dall’artista belga Mishka Henner, una vista a volo d’uccello da Google Earth di una struttura sicura che il governo olandese aveva abilmente pixellato per il bene della sicurezza nazionale. Penso a come la tecnologia ci consente di condividere le informazioni in modo più ampio e in che modo coloro che sono al potere potrebbero affrettarsi a controllare ciò che possiamo vedere di nuovo. La mia mente si rivolge all’autocensura di Facebook sulla libertà a petto nudo di Delacroix e su altre opere della storia dell’arte .

Vedo Michael, l’assistente della galleria, che è riconoscibile dal suo cordino rosa Towner, ma non più dalla camicia Bowie, che ha rimosso, insieme al resto dei suoi vestiti. Voglio dare al ragazzo il cinque.

In una galleria dedicata al lavoro del pittore e illustratore inglese Eric Ravilious, mi soffermerò su uno schizzo degli anni ’30 dello studio del modello inglese e artista tessile Enid Marx, in cui un abito vuoto e vari tessuti offrono un ritratto dell’artista anche se lei è assente dalla scena. Penso, imbarazzato, al mio vestito a strisce gialle appeso a un binario nel corridoio, e al mucchio vicino di sottaceti spiegazzati, e mi chiedo che tipo di ritratto mi abbia offerto queste cose.

Foto di David Owens per artnet News.

Ma la visita è stata anche apprezzata da alcuni che non erano naturalmente interessati all’arte. Simon trentaquattrenne, che non si considera un naturista o un grande frequentatore di gallerie (e ha preferito non essere completamente identificato in questa storia) è venuto all’evento perché gli piace spingersi oltre la sua zona di comfort.

Dice che in realtà è più facile parlare alle persone quando sei entrambi nudi perché non hai informazioni sullo stato sociale o sul lavoro di qualcuno. A eventi nudi, il malessere del corpo è anche fuori questione. Allo stesso modo, è arte-shaming , nel senso che qualcuno potrebbe avere il coraggio di avventurarsi in idee sull’arte che altrimenti avrebbero potuto tacere per paura di sembrare stupidi.

“Guardalo in questo modo, non può essere molto più imbarazzante di così, quindi qual è il peggio che potrebbe accadere?” Dice Simon.

Una calda accoglienza per la sessione di nudo

Foto di David Owens per artnet News.

In seguito alla visita, un portavoce del Towner ha affermato che la galleria sarebbe interessata a tenere eventi simili in futuro. È certamente un modo per coinvolgere un nuovo pubblico nell’arte, e il Towner potrebbe fare un aumento delle presenze a seguito di una riduzione del 50% dei finanziamentida parte del consiglio locale. L’angolo di nudismo ha un potenziale chiaro. All’inizio di quest’anno, il Palais de Tokyo di Parigi ha invitato i nudisti a venire al museo per un evento unico, che ha attirato l’interesse di oltre 30.000 persone su Facebook.

Dopo l’evento di Parigi, i membri dell’associazione naturista della città hanno dichiarato ad artnet News che amerebbero l’opportunità di visitare altri musei, nominando il Musée de l’Homme, l’Orsay e il Quai Branly, tra gli altri. “Parigi non è a corto di musei”, dice il presidente dell’associazione, Laurent Luft, prima di affermare il primo posto nella sua lista dei desideri del museo: “Ho sempre un obiettivo alto, quindi è il Louvre!”

Foto di David Owens per artnet News.

Nel Regno Unito, il club di Eastbourne e il naturismo britannico hanno già fatto piani per la loro prossima visita. A settembre, un gruppo visiterà la Jerwood Gallery di Hastings per avvalersi di una sessione nuda nell’installazione di SaunaKabin di Henry Krokatsis  (essenzialmente una versione artistica di una sauna) nel cortile della galleria. Visiteranno anche le altre mostre di Jerwood, tra cui un’opera dell’artista Mark Wallinger vincitore del Turner Prize intitolato The Human Figure in Space , un’installazione di camere a specchio ispirata al magnum opus del fotografo vittoriano Eadweard Muybridge , che traccia le complessità del mobile corpo,  la figura umana in movimento .

Ma perché fermarsi qui? Julien Claudé-Pénégry, direttore delle comunicazioni dell’organizzazione di Parigi, ci ha detto che gli piacerebbe poter visitare tutti i musei nel nudo. La nudità nel museo, insiste, non è niente di speciale, poiché “il corpo è uno dei soggetti più frequentemente usati dagli artisti”.

Foto di David Owens per artnet News.

Ed è vero. Dalle pitture rupestri all’arazzo di Bayeux alle esibizioni di Marina Abramović, il corpo nudo è stato un appuntamento fisso per tutta la storia dell’arte. Forse la cosa più sorprendente della mia esperienza di spoglio in una galleria era quanto fosse comune. Forse mi sarei sentito diversamente se fossi in un negozio, in un cinema o in un parcheggio. Se la nudità pubblica è socialmente sanzionata ovunque, lo spazio della galleria deve essere in cima alla lista.

By Naomi Rea – news.artnet.com

Rispondi