articoli, curiosità

“E se Basquiat fosse andato nello spazio?” Perché un collezionista miliardario sta organizzando un piano per portare gli artisti sulla Luna con il razzo di Elon Musk

Il collezionista giapponese 22 sta definendo la sua nuova iniziativa artistica “Dear Moon.”

Il collezionista Yusaku Maezawa con il suo acquisto da record: Basquiat’s Untitled (1982). Per gentile concessione di @ yusaku2020.

Yusaku Maezawa , il miliardario giapponese di e-commerce che ha acquistato un dipinto da record di Basquiat per $ 110 milioni nel 2017, sta ora perseguendo un premio ancora più costoso: un viaggio sulla luna. Sembra che Maezawa sarà il primo turista lunare e il primo passeggero commerciale a viaggiare attraverso uno dei razzi SpaceX di Elon Musk.

“Infine, posso dirti che ho scelto di andare sulla luna”, ha detto Maezawa ai giornalisti in una conferenza stampa di lunedì sera, come riportato dal New York Times .

Musk aveva annunciato in precedenza l’anno scorso che era stato effettuato un acconto per due persone senza nome per cavalcare il suo razzo Falcon Heavy, che ha preso il suo primo e, finora, solo volo un anno dopo. Ora sappiamo che il cliente era Maezawa, che aveva pianificato di portare un ospite per il viaggio.

Musk, tuttavia, ha deciso di non riprogettare il Falcon Heavy per ospitare passeggeri umani. Invece, Maezawa dovrà attendere il completamento di un nuovo missile, il BFR Il volo intorno alla luna dovrebbe aver luogo nel 2023 e potrebbe costare a Maezawa fino a $ 200 milioni di dollari, anche se nessuna delle due parti ha rivelato il prezzo.

Maezawa dice di concepire il viaggio come un “progetto artistico rivoluzionario”, che ha soprannominato ” Dear Moon.” Prevede di invitare da sei a otto artisti a unirsi a lui e all’equipaggio nel viaggio di una settimana. “E se Basquiat fosse andato nello spazio? Quale meraviglioso capolavoro avrebbe creato? “Si chiese Maezawa. “E se Picasso fosse andato sulla luna, o Andy Warhol , o Michael Jackson, o John Lennon , o Coco Chanel?”

Il progetto artistico “Dear Moon” di Yusaku Maezawa porterà gli artisti sulla luna a bordo di un razzo SpaceX. Immagine per gentile concessione di Yusaku Maezawa.

Un video sul sito web di “Dear Moon” suggerisce che potrebbe prendere un regista, pittore, ballerino, romanziere, musicista, stilista, scultore, fotografo e architetto come possibili passeggeri a bordo della capsula SpaceX. Ha anche in programma di curare un’esibizione di “Dear Moon” per mostrare il lavoro creato sul ritorno sulla terra del gruppo.

Musk prevede di spendere tra $ 2 miliardi e $ 8 miliardi sviluppando il BFR (è stato definito il Big Falcon Rocket, ma si dice che anche la “F” sia sinonimo di parola più oscena.) SpaceX sta anche collaborando con Boeing per iniziare a volare gli astronauti della NASA verso la Stazione Spaziale Internazionale il prossimo anno per i primi viaggi con equipaggio lanciati dal suolo degli Stati Uniti da quando lo Space Shuttle si ritirò nel 2011. Musk deve ancora finire di sviluppare una capsula SpaceX in grado di trasportare passeggeri umani.

Il progetto artistico “Dear Moon” di Yusaku Maezawa porterà gli artisti sulla luna a bordo di un razzo SpaceX. Immagine per gentile concessione di Yusaku Maezawa.

“Tutti noi abbiamo la capacità di sognare sogni che non sono mai stati sognati, di cantare canzoni che non sono mai state cantate, di dipingere ciò che non è mai stato visto prima”, ha scritto Maezawa sul sito “Dear Moon”. “Spero che questo progetto ispirerà il sognatore in ognuno di noi.”

L’annuncio di SpaceX arriva 50 anni dopo il viaggio ad Apollo 8,  il primo viaggio con equipaggio della NASA sulla luna. Il turismo spaziale si è arenato negli ultimi anni, con l’ultimo cittadino privato che è entrato in orbita nel 2009.

Il progetto artistico “Dear Moon” di Yusaku Maezawa porterà gli artisti sulla luna a bordo di un razzo SpaceX. Immagine per gentile concessione di Yusaku Maezawa.

Solo sette persone – una delle quali ha fatto due viaggi – hanno mai pagato il privilegio di viaggiare nello spazio. Potrebbe presto diventare più comune, tuttavia, poiché le compagnie spaziali private Virgin Galactic e Blue Origin hanno annunciato piani per offrire brevi viaggi suborbitali come il volo Mercury Freedom 7 del 1961 che ha reso Alan Shepard il primo americano nello spazio.

By Sarah Cascone – news.artnet.com

Rispondi