mostra

Pietro Lista – Collages

L’artista presenta 12 opere realizzate con carte prodotte dall’azienda Jannelli e Volpe, riproducenti motivi delle famose case Marimekko e Missoni.

La tecnica del collage consiste nell’incollare su un foglio frammenti di carte colorate, tagliate e incollate, sovrapponendo pastelli  ad olio, colori acrilici, tempera o china e, talvolta, oggetti vari. L’uso del collage nelle opere d’arte risale agli inizi del Novecento: Picasso e Braque furono tra i primi a farne uso sconvolgendo i criteri classici del fare pittura in maniera accademica. Matisse utilizzava dei fogli monocromatici da lui colorati con tempera. Famosi, però, sono i dècollagi di Mimmo Rotella, manifesti strappati sotto i quali emergono altri manifesti.

Le dodici opere di Lista riprendono il racconto delle nature morte di Giorgio Morandi (Bologna 1890 – Bologna 1964), uno dei protagonisti della pittura del Novecento. Per questo l’autore le chiama “Morandiane”. Il motivo iconografico è quello di sempre: bottiglie, calici, brocche, caffettiere e altro. Sono figure-personaggi.

Per l’occasione saranno realizzate due serigrafie monocromatiche in 30 esemplari. Durante la serata saranno offerti i nuovi calendari per l’anno 2019 realizzati dall’artista appositamente per la Ditta Maresca con un testo “Surreali donne meccaniche” del prof. Rino Mele.

La mostra sarà visitabile dal 1 dicembre 2018 al 31 gennaio 2019 negli  orari apertura della Ditta M2/Maresca di Mercato San Severino, (Salerno) via S. Felice, 35/2 località Rosto,

Rispondi