articoli, Cultura

Rio De Janeiro Capitale mondiale dell’architettura

Rio de Janeiro è stata scelta per ospitare nel 2020 il 27mo congresso mondiale degli architetti, un evento che il prossimo anno, per la prima volta, darà alla città ospitante il titolo di capitale mondiale dell’architettura. L’annuncio è stato fatto oggi dall’Unesco, secondo quanto riportato da Agencia Brasil. Il congresso si svolge ogni tre anni e, dalla prossima edizione, ogni città che lo ospiterà sarà considerata la capitale mondiale dell’architettura.

Rio è stata selezionata per concorrere per ospitare l’evento nel 2014, e ha gareggiato con Parigi e Melbourne. L’evento si terrà dal 19 al 26 luglio 2020 ed è promosso dall’Unione internazionale degli architetti. Professionisti di tutto il mondo si riuniranno per discutere di temi come pianificazione urbana, cultura, mobilità, lavori pubblici e costruzione di città inclusive. L’aspettativa è che circa 25 mila persone parteciperanno al congresso. Sarà la prima volta che la manifestazione si svolgerà in Brasile e il presidente dell’Istituto degli architetti brasiliani, Nivaldo Andrade, ha sottolineato che la città è un punto di riferimento nell’architettura per la presenza di lavori di nomi quali Oscar Niemeyer, Roberto Burle Marx e Lucio Costa. «La città è anche un simbolo delle sfide contemporanee per gli architetti e un riferimento per le esperienze positive nel campo dell’urbanistica, come i programmi di urbanizzazione delle favelas. Possiamo dire che Rio sintetizza le caratteristiche che si trovano nelle città non solo in Brasile, ma in diversi paesi del mondo», ha dichiarato Andrade. Il sindaco di Rio de Janeiro, Marcelo Crivella, ha promesso di impegnarsi a trasformare il 2020 in una pietra miliare nella storia culturale della città, che è caratterizzata da una varietà di influenze. «Avremo la possibilità di ampliare la relazione degli abitanti della nostra città con il suo patrimonio storico e architettonico, diffondere e preservare questa ricchezza», ha dichiarato il sindaco in una nota.

ilMessaggero.it

Rispondi