arti visive, mostra

“FLUVIUS” Paula Klien

Il Centro culturale Correios, Centro, Rio de Janeiro, presenterà, dal 3 dicembre 2019 al 26 gennaio 2020, la mostra “FLUVIUS”, di Paula Klien, a cura di Denise Mattar. La mostra riunisce oltre 50 opere recenti dell’artista la cui produzione è caratterizzata dall’uso insolito dell’inchiostro.

L’artista Paula Klien

“FLUVIUS” espone una raccolta delle nuove ricerche di Paula Klien insieme ad alcune opere precedentemente prodotte. Sono dipinti, digigrafie e una performance video dell’artista che dipinge tele e carte all’interno di un fiume. Inoltre, “Fluvius” ha due radici lussureggianti che, secondo l’artista “servono a proteggere il fiume dall’erosione e trattenere la terra, impedendo al fiume di essere seppellito, lasciando scorrere l’acqua”.

“Simbioticamente uniti, le acque e le radici riflettono bene questo momento del lavoro di Paula Klien, instabile, sottile e delicato, ma anche denso, intenso e profondo. Sono le acque tranquille di un fiume turbolento “, aggiunge Denise Mattar.

I dipinti espressivi che scaturiscono dall’immersione di Paula Klien nel suo mondo interiore mantengono la spontaneità del gesto che li ha creati, producendo una variazione monocromatica di estrema ricchezza. Più che la presenza materiale dell’inchiostro, ciò che è in atto è l’intimità immersiva dell’artista che rivela la verità universale della relazione di ogni uomo con se stesso, il sé confrontato con la lotta tra costanza e impermanenza e la necessaria trascendenza metafisica. assorbire l’assioma inconfutabile del continuum dell’universo, del pianeta, dell’essere umano – e il contrasto con la vita complessa che costruiamo sulla base dell’illusione della permanenza.

Da questo contesto, il lavoro di Paula Klien, classificato in linea di principio come espressionismo astratto sul percorso di artisti come Hans Hartung o Soulages, è in realtà molto più vicino a Gao Xingjian o Zeng Chongbin, artisti cinesi contemporanei che oggi impressionano il mondo. Circuito internazionale.

Dal 2017 l’artista organizza mostre all’estero. Questi includono la Galleria AquabitArt, la Deustsche Bank e Positions Art Fair a Berlino. Stand singolo organizzato dalla Saatchi Art Gallery di Londra e dall’ArtBA di Buenos Aires. In Brasile ha partecipato nel 2018 alla mostra “Oriental Brush” presso il Centro culturale Correios, esposto ad ArtRio e tenuto la mostra personale “Extremes Liquids” presso la Casa della Cultura Laura Alvim, a cura di Marcus Lontra.

Informazioni su Paula Klien di Denise Mattar

Paula Klien ha rivelato il suo interesse per le arti visive fin da piccola e ha sorpreso la famiglia con l’accuratezza dei suoi ritratti. Da giovane ha frequentato corsi gratuiti al Parque Lage, ha studiato storia dell’arte, ma si è anche concentrata su musica e danza. L’intensità intrinseca della sua personalità ha causato l’ubicazione di ciascuna di queste acque in un’immersione verticale in queste sorgenti. A partire dagli anni 2000 ha integrato tutte queste conoscenze al servizio della fotografia. Ha realizzato campagne ed editoriali di moda, caratterizzati da eccellenza tecnica, perfetta dinamica tra modello e abbigliamento, ma tutti creati da un look insolito, una certa sfida alle convenzioni, permeata dall’umorismo intelligente. Con questo spirito ha presentato nel 2007 la mostra “Cats and Shoes”, una satira sugli uomini, rivelando alcune delle loro carenze specifiche, in particolare quelle che disturbano le donne.

Nel 2010, ha esaminato un altro angolo dell’universo maschile nel libro “It’s Raining Men”. Sensualità, relax e ancora l’umore. Nella mostra “Edible” del 2012, Paula ha riunito uomini e donne famosi e non famosi sotto la sfida: “Di cosa hai fame?”. Il risultato è sorprendente a causa della moltitudine di situazioni insolite create dall’improbabile incrocio tra elementi semplici come pesci, palline di sapone o mozziconi di sigarette e la spogliatura di corpi nudi a pelle nuda, totalmente privi di protezione nell’affrontare le proprie scelte.

Il suo ultimo libro fotografico, pubblicato nel 2014, ha il titolo evocativo “Le persone mi interessano”. Nell’approccio proposto dall’artista, l’atteggiamento del fotografo è stato il focus, il punto di partenza che ha determinato il percorso del saggio e la sua edizione. In un testo per la pubblicazione, Alexandre Murucci rileva “la qualità e la raffinatezza delle foto e la ripresa dell’indagine sulle possibilità sociologiche ed estetiche del ritratto come testimonianza di un’epoca”. Marcus Lontra, nello stesso libro, parla di “trascendenza e poesia che supera il limite del reale e si afferma nel territorio di cose misteriose e belle”.

Un altro sguardo alla produzione fotografica di Paula Klien mostra che in parallelo c’è un continuo esercizio del corpo come paesaggio: ampie superfici della pelle, cascate di capelli, dorsi arcuati come montagne. Esiste anche una preferenza esplicita per il bianco e nero, che, escludendo il colore, ispessisce il messaggio, intensifica la forma, concentra l’aspetto.

Nel 2016 questi elementi prefigurano un’esigenza interiore: la ricerca del silenzio e dell’introspezione. In ritorno alle belle arti, Paula si stabilì alla Kunstgut School of Visual Arts di Berlino. Ha prodotto poco in officina, ma ha trovato un modo. L’incontro con l’inchiostro è stato una scoperta, uno spartiacque e l’espressione non è mai stata così letteralmente adatta al processo che Paula avrebbe sviluppato in Brasile.

In un attimo Paula crea il suo metodo. I dipinti espressivi che scaturiscono dall’immersione di Paula Klien nel suo mondo interiore mantengono la spontaneità del gesto che li ha creati, producendo una variazione monocromatica di estrema ricchezza. Più che la presenza materiale dell’inchiostro, ciò che è in atto è l’intimità immersiva dell’artista che rivela la verità universale della relazione di ogni uomo con se stesso, il sé confrontato con la lotta tra costanza e impermanenza e la necessaria trascendenza metafisica. assorbire l’assioma inconfutabile del continuum dell’universo, del pianeta, dell’essere umano – e il contrasto con la vita complessa che costruiamo sulla base dell’illusione della permanenza.

Da questo contesto, il lavoro di Paula Klien, classificato in linea di principio come espressionismo astratto sul percorso di artisti come Hans Hartung o Soulages, è in realtà molto più vicino a Gao Xingjian o Zeng Chongbin, artisti cinesi contemporanei che oggi impressionano il mondo. Circuito internazionale.

Proprio perché raggiunge quell’essenza stessa, che oggi affascina l’Occidente, il suo lavoro è stato immediatamente accettato in Europa, svolgendosi in un intenso periodo di mostre. Non a caso, è stata l’unica artista brasiliana invitata a partecipare allo spettacolo del pennello orientale al Centro Cultural Correi.

By bolsadearte.com

 

Rispondi