Attualità

Il World Monuments Fund annuncia i siti culturali a rischio per il 2020

Il WMF pubblica la lista dei 25 nuovi siti a rischio, includendovi la Cattedrale di Notre Dame

traditional Burmense Teak Farmhouses Myanmar
 
Ontario Place, Canada
Lo scorso 29 ottobre il World Monuments Fund ha annunciato i nomi dei 25 siti culturali che si trovano in condizioni di rischio per il 2020. La selezione – a cadenza biennale – include i siti di rilevanza culturale il cui impatto col contemporaneo abbia prodotto uno stato di pericolo, richiedendo necessarie misure conservative. Crescente urbanizzazione, disastri naturali e violenti conflitti sono solo alcune delle cause che continuano a mettere a repentaglio la sopravvivenza dei siti culturali, causandone il passaggio ad uno stato di rischio.
Koutammakou, Land of the Batammariba, Benin, and Togo
Selezionati tra i 250 sottoposti alla Commissione, i 25 siti si trovano in 22 paesi, con una preponderanza di essi collocati in Asia, in testa con 9 siti inclusi nella lista; segue l’America, con 7 siti, mentre l’Europa ne contiene 5. La loro natura è varia: paesaggi culturali, aree urbane di interesse storico, siti archeologici, aree industriali. Nella lista, spicca la presenza della Cattedrale di Notre Dame di Parigi. Mentre esperti internazionali lavorano per assicurare che un tale punto di riferimento culturale e religioso torni alla comunità, la sua struttura – a seguito dell’incendio dello scorso aprile – rimane in condizioni precarie. Il processo di salvataggio, pianificazione e ricostruzione, comporterà anni.
Historic Water Systems of the Deccan Plateau, India
Passiamo al sito più antico della lista: il “Bears Ears National Monument” (11,000-6,000 a. C.). Si tratta del più antico sito contenente evidenze umane. Terra sacra per gli indigeni del Nord America, il sito rischia la sua profanazione. Tra altri, compare la “Sacred Valley of the Incas”, in Perù, il cui paesaggio è minacciato dalla proposta di costruzione di un aeroporto. Ogni due anni, individui, comunità e altre entità sottopongono ad un panel di esperti i siti culturali la cui integrità sia ritenuta minacciata. La scelta dei siti tra quelli ritenuti in pericolo contribuisce a catalizzare l’attenzione internazionale, nonché accrescere la sensibilità di
Sardar Vallabhbhai Patel Stadium, India
istituzioni e governi. World Monuments Fund, in partner con locali stakeholders, si occupa di pensare, pianificare e applicare misure specifiche e interventi mirati atti a conservare, inclusi i programmi di educazione delle comunità. Dal 1996 il WMF ha contribuito alla causa con oltre 110milioni di dollari, mentre circa 300milioni sono stati devoluti alla causa da altre entità.   La lista:
  1. Koutammakou, Land of the Batammariba, Benin, and Togo
  2. Ontario Place, Canada
  3. Rapa Nui National Park, Chile
  4. Alexan Palace, Egypt
  5. Notre-Dame de Paris, France
  6. Tusheti National Park, Georgia
  7. Gingerbread Neighborhood of Port-au-Prince, Haiti
  8. Historic Water Systems of the Deccan Plateau, India
  9. Sardar Vallabhbhai Patel Stadium, India
  10. Mam Rashan Shrine, Iran
  11. Inari-yu Bathhouse, Japan
  12. Iwamatsu District, Japan
  13. Canal Nacional, Mexico
  14. Choijin Lama Temple, Mongolia
  15. Traditional Burmese Teak Farmhouses, Myanmar
  16. Chivas and Chaityas of the Kathmandu Valley, Nepal
  17. Anarkali Bazaar, Pakistan
  18. Sacred Valley of the Incas, Peru
  19. Kindler Chapel, Pabianice Evangelical Cemetery, Poland
  20. Courtyard Houses of Axerquía, Spain
  21. Bennerley Viaduct, United Kingdom
  22. Bears Ears National Monument, USA
  23. Central Aguirre Historic District, USA
  24. San Antonio Woolworth Building, USA
  25. Traditional Houses in the Old Jewish Mahalla of Bukhara, Uzbekistan
By Veronica Cimmino – exibart.com

Rispondi