Attualità, curiosità

Furto nella notte: un importante quadro di Van Gogh

ERA STATO PRESTATO DALL’OLANDESE GRONINGER MUSEUM PER UNA MOSTRA TEMPORANEA: I LADRI SONO ENTRATI NELLA NOTTE SFONDANDO LA PORTA A VETRI DELL’EDIFICIO. SONO IN CORSO LE INDAGINI DELLA POLIZIA.

Vincent van Gogh, Lentetuin de pastorietuin te Nuenen in het voorjaar_Groninger Museum

Non c’è pace per i musei, già messi a dura prova dalla chiusura generale che li costringe a spostare tutte le attività online. In Olanda, ad approfittare del lockdown è stato anche un gruppo di ladri, la cui identità è tuttora avvolta nell’ombra: entrati nella notte nel Museo Singer Laren si sono impossessati di un importante quadro di Van Gogh, facendo perdere poi le proprie tracce. Si tratta del Giardino della canonica di Neunen in primavera, un dipinto a olio realizzato con la tecnica del marouflage risalente al 1884, periodo in cui l’artista olandese si trovava con i suoi genitori nella cittadina di Nuenen, dove suo padre era ministro protestante della chiesa ritratta sullo sfondo. Sui luoghi della vita e dell’infanzia del celebre Van Gogh vi avevamo portato tempo fa attraverso questo reportage.

IL VAN GOGH RUBATO AL SINGER LAREN MUSEUM

Il furto sarebbe avvenuto nella notte tra il 29 e il 30 marzo 2020, poco dopo le 3. Non si tratta di un piano ben architettato o complesso, bensì di un’operazione piuttosto banale, che ha visto i malfattori sfondare la porta a vetri del museo e fare irruzione nell’edificio. La sorveglianza è intervenuta solo dopo che l’allarme è partito; ma, una volta trovatisi sul posto, era già troppo tardi. L’intero accaduto è stato confermato nel pomeriggio da una conferenza stampa della polizia. Ad aggravare la situazione è il fatto che l’opera era in custodia al Singer Laren Museum, soggetta a un prestito da parte del Groninger Museum per una mostra temporanea. “È un dipinto bellissimo e commovente di uno dei nostri più grandi pittori, rubato alla comunità”, ha affermato il direttore del museo Jan Rudolph de Lorm secondo quanto riporta il Corriere della Sera. Tuttavia, ogni ulteriore commento dovrà essere rimandato a causa delle indagini in corso. La notizia è l’ennesima dopo una serie di altri furti: era di poche settimane fa la notizia delle tre opere (di Salvatore Rosa, Antoon van Dyck e Annibale Carraccitrafugate alla Christ Church Picture Gallery di Oxford; dell’anno scorso quella sulla Toilette d’oro di Maurizio Cattelan scomparsa mentre si trovava alla Blenheim Art Foundation in Inghilterra.

By Giulia Ronchi – artribune.com

Rispondi