articoli, Attualità

Jonathan Lyndon Chase, Alex Da Corte e altri artisti di Filadelfia vendono stampe da $ 300 per sostenere un fondo di cauzione locale

The Art for Philadelphia Bail Fund presenta lavori realizzati in risposta alle rivolte in corso.

Marcus Maddox, The Defacing of the Frank Rizzo Statue (2020).
Un gruppo di artisti di Filadelfia sta rapidamente producendo lavori in risposta alle attuali rivolte contro la brutalità politica e vendendoli come stampe a prezzi accessibili per sostenere il Philadelphia Community Bail Fund. Jonathan Lyndon Chase, Alex Da Corte e Tiona Nekkia McClodden sono tra gli artisti che vendono stampe in edizioni del 20 come parte dell’Art for Philadelphia Bail Fund, che si protrarrà fino al 4 luglio. Il progetto è stato ideato dal curatore Meg Onli, che aveva l’idea dopo aver visto suggestive immagini di proteste sui social media domenica sera. Le opere di tutti e sette gli artisti sono nuove risposte artistiche agli eventi attuali. Marcus Maddox ha fotografato una scena di manifestanti che hanno attaccato la statua in bronzo dell’ex sindaco di Filadelfia e il commissario di polizia Frank Rizzo , che la città ha rimosso da allora. (Quella stampa è già esaurita.) Il lavoro di Becky Suss non è ancora pronto: il sito Web ha un segnaposto per ora. Le opere hanno un prezzo di $ 300 ciascuna e sono stampate dalla società con sede a Chicago Loupe.
David Hartt, Charles (2020). Per gentile concessione dell’artista e Art for Philadelphia.
Altri sforzi per sostenere il movimento Black Lives Matter e altre attività antirazziste includono la stampa in rilievo del Space Document del Chicago Gallery del fotografo Paul Mpagi Sepuya. L’artista sta vendendo un’edizione aperta del suo lavoro  Studio (0X5A4983)  (2020) in cambio di una donazione minima di $ 250 a organizzazioni come Fair Fight  e  Alliance of Californians for Community Empowerment . Nel frattempo, gli artisti  Addie Wagenknecht e  Marian Bailey offrono stampe e disegni in edizione limitata in cambio di donazioni fatte attraverso i social media. By Caroline Goldstein  – news.artnet.com          

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER