Attualità, curiosità, personaggio

The Lost Jean-Michel Basquiat: una nuova casa d’aste ha appena venduto l’opera SAMO.

Il lavoro è stato venduto per oltre $ 70.000. Ma da dove è venuto?

Jean-Michel Basquiat, Untitled (SAMO © Tarp) 1979. Foto per gentile concessione di Capsule Auctions.
Alla fine di maggio, Capsule Auctions, una piccola casa fondata tre anni fa da un negozio di Alphabet City a New York, annunciò che avrebbe messo all’asta un’opera su olio di Jean-Michel Basquiat che non era mai stata venduta dalla sua proprietario originale. Quando hanno fatto un’offerta per l’opera, che raffigura il tag SAMO di Basquiat, aperto il 28 maggio, diversi collezionisti hanno spinto il prezzo ben oltre la stima elevata di $ 25.000, e alla fine ha martellato, con commissioni, per $ 71,875. “È esattamente quello che vogliamo vendere”, ha affermato Simon Baranoff, cofondatore di Capsule. “È il tipo di lavoro unico di New York che vogliamo portare sul mercato. Abbiamo venduto cose in più, ma è davvero la direzione di cui siamo entusiasti: portare una nuova scoperta sul mercato. ”
Un dettaglio del lotto. Foto per gentile concessione di Capsule Auctions.
Poco meno di $ 72.000 per un’opera di dimensioni modeste di Basquiat è un furto unico nella vita. I disegni alla sua scala (sono cinque piedi per due piedi e mezzo) spesso vendono a milioni e, nel 2017, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa ha acquistato un gigantesco dipinto teschio Basquiat per $ 110,5 milioni. Inoltre, il lotto Capsule è una rarità speciale nell’opera dell’artista: un’opera con il suo tag SAMO non era mai stata messa all’asta, secondo Artnet Price Database. Sta per “stessa vecchia merda”, ma quell’energia scrollata di dosso era la tipica cattiva direzione di Basquiat. Basquiat si preoccupava profondamente dell’etichetta, che era solito piantare in giro per Manhattan con l’artista Al Diaz. Prima che Basquiat lo prendesse da solo (e lo uccise con grande fanfara alla fine del 1979, scrivendo SAMO È MORTO in tutta la città), il tag apparve in tutto l’East Village, nel Lower East Side, a SoHo, e molto in giro il campus urbano della School of the Visual Arts. Ma oltre al tag, non c’è altra indicazione che il lavoro di Capsule sia un Basquiat. Non è in nessun catalogo. Né è stato autenticato dalla tenuta dell’artista, che ha sciolto il suo comitato di autenticazione nel 2012, dopo aver esaminato 2.000 opere e aver deciso che aveva “raggiunto il suo obiettivo”. Diaz e altri contemporanei che hanno verificato il dipinto hanno confermato per la casa d’aste che, dal loro punto di vista, è stato realizzato dalla mano dell’artista. Ma il suo status ufficiale è ancora in sospeso. A differenza dei paesaggi che creano il mondo e dei giganteschi teschi mangiatori di tela che Basquiat avrebbe realizzato più avanti nella sua carriera, il lavoro è qualcosa di una curiosità intrigante, un oggetto legato a Basquiat. “L’abbiamo valutato come un lavoro effimero unico e quindi abbiamo lasciato che il mercato decidesse dove dovrebbe essere”, ha affermato Baranoff. Evidentemente aveva un fascino per un completista di Basquiat, o anche per un appassionato fan. È un manufatto dei suoi giorni dei graffiti e tali manufatti sono rari. “È una situazione unica, un tag iniziale non da una bomboletta spray, ma da un pennello”, ha detto Baranoff. “Non avevamo mai visto un’opera davvero comparabile offerta all’asta prima.” Sebbene tali lavori siano spesso separati dai dipinti e dai disegni realizzati da Basquiat sotto il suo nome, i suoi primi seguaci li trattarono come parte della sua pratica. “Alla fine degli anni Settanta, non si poteva andare in nessun posto interessante a Lower Manhattan senza notare che prima c’era qualcuno di nome SAMO”, ha scritto Jeffrey Deitch nella prima recensione pubblicata sul lavoro di Basquiat in  Flash Art.  “La sua poesia di strada sconnessa ha segnato una pista per i devoti dell’arte sotterranea / cultura rock.” Ma non c’erano opere SAMO nello show di Annina Nosei che Deitch ha recensito, e non solo perché Basquiat era passato. I tag erano effimeri per natura, intesi come impermanenti, lavabili, lì e poi no.
Edo Bertoglio, Jean-Michel Basquiat sul set di Downtown 81, 1980–81, © New York Beat Film LLC, per concessione di The Estate of Jean-Michel Basquiat, concesso in licenza da Artestar, New York, foto: Edo Bertoglio.
Da dove proviene un oggetto / artefatto / tag Basquiat così strano? Arrivò a Capsule come parte della tenuta di un uomo di nome Vincent Strautmanis, che morì nel 2018. Il guerriero, consegnato dalla sua vedova, Maryellen Strautmanis, consisteva principalmente in tele del padre di Strautmanis, un artista SoHo della prima ondata di nome Edvins. Cresciuto nel loft di suo padre Greene Street negli anni ’70, Vincent ha trascorso del tempo con i bambini del quartiere, incluso l’esilotto di Brooklyn Basquiat di 19 anni, che all’epoca stava tagliando il suo nom de graffiti attorno al quartiere pieno di gallerie e dormendo in Tompkins Square Parcheggia e in mezzo alle fidanzate, per tutto il tempo trambusto e auto-promozione sull’orlo della fama. “Mio marito era amico di Jean-Michel, sarebbe venuto e si sarebbe schiantato, dato che tutti sapevano che il padre di Vincent era un artista, e sarebbero andati in giro a parlare di arte e fumo,” mi ha detto Maryellen Strautmanis al telefono questa settimana. “Jean-Michel ha avuto una specie di cotta per la sorella di mio marito, quindi ha trascorso una considerevole quantità di tempo a bighellonare sul divano”. Un giorno, mentre si trovava nel loft di Greene Street, in quello che dice la famiglia era il 1979, Basquiat si avvicinò all’angolo sterrato dell’appartamento dove l’anziano Strautmanis aveva il suo studio. Cercando di attirare la sua attenzione, il giovane Jean-Michel trovò un pennello e contaminò prontamente la parete del telo dello studio improvvisato con il suo famoso tag.
Il telone con tag SAMO, aiutato da un art handler. Foto per gentile concessione di Capsule Auctions.
“Mio suocero … – l’artista era molto turbato”, disse Maryellen Strautmanis, ridendo. “Jean-Michel non era davvero un ragazzo divertente con cui stare, era un po ‘un idiota pomposo, non so perché mio marito fosse così buono con lui.” Tuttavia, Maryellen Strautmanis non poteva negare il potere di avere un grande tag Basquiat installato nell’appartamento, sia per la sua risonanza storica che per l’urgenza estetica. “È grande, è bello e puoi vedere totalmente le pennellate: l’ha immerso nella vernice e ha fatto cadere questa cosa sul telo”, ha detto. “Era distintamente lui.” Strautmanis non rimpiange di essersi separato da esso: era stato nel sottotetto per anni, ei suoi sei figli hanno cresciuto le storie dei loro papà su come il suo famoso amico di una volta aveva fatto un lavoro su misura nello stesso posto in cui sono cresciuti. (C’è ancora un haiku con etichetta SAMO che Basquiat ha lasciato in una delle camere da letto, e Strautmanis dice che venderà anche quel giorno.) Ha aggiunto che, sì, il tag è più un pezzo di effimera di Basquiat che una delle sue opere d’arte a tutti gli effetti. Ma autenticato o no, è intriso della vecchia magia della scena artistica che un tempo fioriva nel suo appartamento. “Era davvero un pezzo di SoHo e un pezzo di storia”, ha detto. “C’è un grande valore per averlo là fuori nel mondo.” By Nate Freeman  – news.artnet.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rispondi