Attualità, personaggio

Se Gio Ponti finisce su una tovaglia

IL TRIBUNALE DI MILANO HA DATO RAGIONE AGLI EREDI DI GIO PONTI NELLA DISPUTA CONTRO COIN. LA RAGIONE DEL CONTENDERE È LA RIPRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DA PARTE DI COIN DI UNA TOVAGLIA RECANTE LA PRESUNTA RIPRODUZIONE DI UN DISEGNO DI GIO PONTI NON AUTORIZZATA DAGLI EREDI.

Gio Ponti
Il Tribunale di Milano si è recentemente pronunciato, in sede cautelare (ordinanza del 13 luglio 2020), sulla legittimità o meno della riproduzione di opere protette da diritto d’autore su prodotti commerciali, confermando il principio secondo cui è sempre necessario il consenso dell’autore, dei suoi eredi o degli altri eventuali aventi diritto. Il fatto da cui ha avuto origine la vicenda giudiziaria consiste nella riproduzione e commercializzazione, da parte di Coin, di una tovaglia denominata Twill recante la (presunta) riproduzione del disegno Eclissi di Gio Ponti in assenza del consenso degli eredi dell’architetto. Questi ultimi, per porre fine a tale attività non autorizzata, hanno presentato ricorso cautelare davanti al Tribunale di Milano per chiedere che venisse inibita la prosecuzione dell’illecito.

EREDI PONTI VS COIN

La decisione del Tribunale parte da un esame in concreto degli elementi che caratterizzano il disegno e giunge a considerare tale creazione come opera delle arti figurative e non come opera di design industriale. In particolare, il giudicante ha ritenuto che l’opera Eclissi, pubblicata per la prima volta sulla copertina della rivista Domus nel 1957, sia un’opera figurativa, espressione della corrente artistica dell’astrattismo geometrico. L’autore ha utilizzato elementi grafici, anche di relativa semplicità (semicerchi), in modo creativo, inserendoli in una originale sequenza di ripetizioni, con particolari accostamenti e colorazioni differenti. Dall’altra parte, la difesa di Coin ha chiesto – fra le altre – che venisse accertata la mancanza del requisito della creatività del disegno in quanto “la giustapposizione di semicerchi colorati che di fatto costituirebbe la sola idea in sé non è tutelabile”; inoltre, ha chiesto che venisse accertata la natura di opera di design, tutelabile solo in presenza del duplice requisito del carattere creativo e del valore artistico. Requisito, quest’ultimo, molto dibattuto tra gli addetti ai lavori.
Gio Ponti © Viola Gesmundo per Artribune Magazine

LA DECISIONE DEL TRIBUNALE DI MILANO

Sulla base di tale accertamento circa la tipologia di opera, il Tribunale ha accolto il ricorso degli eredi dell’artista e ha accertato la violazione dei diritti d’autore sull’opera figurativa Eclissi da parte di Coin, in quanto le tovaglie presentano un’indebita ripresa dell’identico motivo grafico e rappresentativo del disegno. E infatti nelle tovaglie Twill sono presenti gli elementi creativi di Eclissi, ovvero la rappresentazione dei due semicerchi associati tra loro con diversa colorazione, la serialità con cui i singoli elementi sono associati e la sostanziale ripresa del medesimo motivo grafico e visivo. In tale contesto le differenze di colore non conferiscono una effettiva e concreta autonomia rappresentativa al disegno riprodotto sulle tovaglie, anche perché proprio nella differenza di colorazione, variamente ripetuta, tra i semicerchi risiede la ricerca grafica e creativa dell’artista. Con tale ordinanza il Tribunale ha inibito l’ulteriore produzione e commercializzazione delle tovaglie recanti il disegno in questione in tutte le sue varianti dimensionali e cromatiche, demandando alla eventuale fase di merito la questione della risarcibilità del danno patrimoniale e di natura morale, legato anche allo svilimento del valore dell’opera. By Raffaella Pellegrino – artribune.com

ACQUISTA QUI il catalogo della mostra di Gio Ponti al MAXXI di Roma


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rispondi