mostra, museo

L’Inferno di Dante arriva a Roma

IN OCCASIONE DEI SETTECENTO ANNI DELLA MORTE DI DANTE ALIGHIERI, DAL 15 OTTOBRE 2021 AL 9 GENNAIO 2022, LE SCUDERIE DEL QUIRINALE A ROMA OSPITERANNO LA GRANDE MOSTRA “INFERNO”, A CURA DI JEAN CLAIR

Le Scuderie del Quirinale annunciano una nuova straordinaria mostra: dal 15 ottobre le sale del noto museo romano si trasformeranno nei gironi infernali descritti da Dante Alighieri nella sua Divina Commedia. Per celebrare i settecento anni dalla morte del Sommo Poeta, la mostra dal titolo “Inferno” a cura di Jean Clair, intende così condurre il visitatore negli Inferi immaginati e narrati da Dante. In apertura del percorso di visita il pubblico troverà persino il modello di fusione in gesso in scala 1:1 della monumentale e celeberrima Porta dell’Inferno di Auguste Rodin, eccezionalmente concesso in prestito dal Musée Rodin di Parigi. A seguire si potranno ammirare più di duecento opere d’arte giunte in prestito da oltre ottanta grandi musei, raccolte pubbliche e prestigiose collezioni private provenienti, non solo dall’Italia e dal Vaticano, ma anche da Francia, Regno Unito, Germania, Spagna, Portogallo, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Bulgaria. Ad impreziosire la già ricca lista di opere in mostra, nelle prime settimane di apertura, grazie allo straordinario supporto della Biblioteca Apostolica Vaticana, sarà possibile ammirare anche la voragine infernale di Sandro Botticelli, capolavoro indiscusso legato alla grande opera dantesca. I visitatori saranno accompagnati dai versi della Divina Commedia lungo il percorso che raccoglierà le rappresentazioni che artisti di tutte le epoche, dal Medioevo al Novecento, hanno realizzato per figurare il male, il peccato, i dannati e l’Inferno: tra i capolavori segnaliamo opere di Beato Angelico, Botticelli, Bosch, Bruegel, Goya, Manet, Delacroix, Rodin, Cezanne, von Stuck, Balla, Dix, Taslitzky, Richter, Kiefer. Prima di lasciare la mostra, il pubblico sarà congedato dall’evocazione salvifica dell’ultimo verso della Cantica: e quindi uscimmo a riveder le stelle. “Inferno” si inserisce dunque nella programmazione delle celebrazioni dantesche, affermandosi già come uno degli eventi più attesi e spettacolari del prossimo autunno. — By Roberta Pisa – artribune.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rispondi