personaggio

Morto l’artista e sperimentatore Paolo Gioli. Aveva 80 anni

MAESTRO SCHIVO, IL SUO LAVORO DI GRANDE INNOVATORE È STATO RISCOPERTO NEGLI ULTIMI ANNI. TRA CINEMA SPERIMENTALE, POLAROID, FOTOGRAFIE

Paolo Gioli Schermo schermo, 1974 1975, Olio su tela+stampe fotografiche, 150 x 110 cm
Paolo Gioli, Questo volto non è il mio volto (autodecollazione), dalla serie “Vessazioni”, Polaroid 50×60 e trasferto su acrilico, 70 × 57 cm, 2009. Collezione privata. © Paolo Gioli
La riscoperta del suo lavoro è stata tardiva. Eppure, Paolo Gioli, nato a Sarzano, in provincia di Rovigo, nel 1942, aveva sperimentato con le immagini per tutta la vita. Maestro schivo e raffinatissimo, il calcio di avvio al rinnovato interesse nei confronti della sua pratica è stato dato nel 2016 da Peep-Hole, spazio no profit ormai non più in essere, ideato e gestito da Anna Daneri, Bruna Roccasalva e Vincenzo De Bellis, con una mostra che ne raccontava ampiamente il lavoro. E naturalmente dal collezionista Paolo Vampa, suo grande sostenitore, proprietario del fondo Paolo Gioli. Era seguita nel 2018 una esposizione presso l’American Academy in Rome, curata da Peter Benson Miller e poi una serie di riconoscimenti, omaggi, rassegne, retrospettive anche internazionali, non ultima quella ideata dal Cineclub Canudo di Bisceglie con il Museo Castromediano di Lecce la scorsa estate, sotto l’egida di Italian Council.

IL CINEMA DI PAOLO GIOLI

E ancora il cinema sperimentale, tra animazione, found-footage, riprese stenopeiche, rielaborazioni da fotografie, stop-motion, uso di mascherini. Di lui ha scritto per Artribune Angela Madesani, in occasione della pubblicazione del libro Cronologie per i tipi di Johan & Levi:” Paolo Gioli è una figura assai particolare i cui soggetti sono presi o dalla storia dell’arte e della fotografia, o da quanto gli è vicino. Le sue avventure straordinarie avvengono tutte tra le pareti della casa, il giardino, i nidi, i bottoni, le vecchie lastre e i tanti libri, raccolti nel corso degli anni con grande passione”. Sono in molti che lo ricordano a mezzo social. Tra questi il giornalista e critico Michele Smargiassi, che scrive: “Ci ha lasciato questa mattina Paolo Gioli, artista visionario, divergente e inquieto del fotografico. Ha lavorato sulla materia della fotografia, nel senso più concreto della parola. Le emulsioni, la scatola oscura, l’impronta, la traccia. Ha scarnificato la fotografia, l’ha letteralmente smontata, semplificata fino alla carne e all’osso, tagliata a fette, per scoprirne il corpo e interrogarlo”. E ancora Bruno Di Marino, che con l’artista aveva lavorato in Puglia, scatenando una lunga lista di addii, omaggi e commemorazioni. Lo ricorda anche il curatore Carlo Sala, che scrive: “Oggi è mancato Paolo Gioli, uno degli autori contemporanei che si è maggiormente interrogato sul visivo e le sue potenzialità, decostruendo e ricostruendo i processi fotografici e realizzando una serie di importanti film sperimentali. Questa immagine è stata scattata durante una bellissima giornata passata nello studio di Gioli con Cesare Misserotti, suo profondo amico e sostenitore fin dalla prima personale alla galleria l’Elefante.A noi studiosi il compito di rileggere il suo profondo lascito culturale. Ciao Paolo”.
  • By Santa Nastro – artribune.com