curiosità, installazioni

Arriva a Marsiglia l’esperienza luminosa immersiva ispirata alla Monna Lisa

PRIMA VAN GOGH, POI MONET. ORA È IL TURNO DI MONNA LISA, LA DAMA ICONICA CONCEPITA DA LEONARDO DA VINCI: A LEI SARÀ DEDICATO, NELLA PROSSIMA PRIMAVERA, UN SUGGESTIVO SPETTACOLO DI LUCI, CHE SI TERRÀ NEL NUOVO SPAZIO ESPOSITIVO DEL GRAND PALAIS IMMERSIF A MARSIGLIA

Il Louvre e il Grand Palais uniscono le forze per mettere in piedi un grandioso spettacolo di luce digitale, ispirato alla figura iconica della Monna Lisa di Leonardo da Vinci. Sarà un’installazione immersiva e andrà in scena a Marsiglia. La mostra aprirà il 10 marzo 2022 e rappresenterà un banco di prova per il team di Grand Palais Immersif, che è in procinto di svelare al pubblico l’apertura di un nuovo spazio espositivo a seguito di una vasta ristrutturazione. L’ambizione è quella di “diventare un attore chiave nel mercato emergente delle mostre digitali”, secondo quanto ha affermato la Réunion des Musées Nationaux-Grand Palais (RMN), che gestisce il Grand Palais. Roei Amit, direttore di Grand Palais Immersif ha invece dichiarato a The Art Newspaper che lo spettacolo comprenderà “un ambiente sensoriale, proiezioni narrative e molte esperienze interattive”.

L’ESPERIENZA MONNA LISA A MARSIGLIA

L’installazione di Monna Lisa verrà formulata seguendo sei componenti che affrontano diverse tematiche: lo status iconico del ritratto, il furto del 1911 e il recupero del capolavoro, l’influenza della Gioconda su altre opere, la tecnica che Leonardo ha impiegato per elaborare il dipinto e una sezione sulla vita dell’artista. I biglietti? Costeranno circa 17 euro, quasi il prezzo per andare a vedere la Gioconda dal vivo. Un costo tuttavia ben più modico rispetto a quello dell’esperienza immersiva di van Gogh che a New York viene proposta a 36 dollari. RMN aveva già realizzato nel 2016 la mostra digitale Eternal Sites al Grand Palais con la ricostruzione dei monumenti del patrimonio mondiale dell’UNESCO danneggiati dall’ISIS in Siria e in Iraq. Mentre nel 2020 era stata la volta di Pompei, che offriva una panoramica della città antica, avvolgendo lo spettatore nelle ambientazioni e nella vita lussureggiante degli antichi romani. E non è tutto: verranno presto rilasciate le date e le informazioni sulla prossima esperienza immersiva, tutta dedicata al campione dell’Art Nouveau, l’artista ceco Alphonse Mucha.
  • By Giorgia Basili – artribune.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rispondi