Arte Contemporânea Feminina

 

ARTE CONTEMPORANEA FEMININA

RIUNISCE 5 ESPOSIZIONI INDIVIDUALI DI 5 DONNE IN 5 SALE NELLO STESSO MOMENTO

  Un progetto della Tartaglia Arte che presenta le opere di 5 artisti contemporanei presso il Centro Cultural Correios di Rio de Janeiro. La mostra ARTE CONTEMPORANEA FEMININA è un progetto inedito, che presenta 5 mostre individuali simultanee, di 5 artiste, in 5 sale diverse del Centro Cultural Correios (Centro, RJ), tutti a cura di Tartaglia Arte di Roma, Italia, di Riccardo Tartaglia e Regina Nobrez. Sono dell’esposizioni che mette in luce il ruolo dell’artista donna, nelle sue diverse poetiche, linguaggi e fatture. Fino a poco tempo fà le donne, quando si sono distinte nell’arte, hanno agito in secondo piano, superando l’attività di modelle. Certamente abbiamo avuto – e abbiamo – grandi artiste che, abbattendo le barriere del pregiudizio e della misoginia, sono riuscite a portare la loro collezione nel mondo – Frida Kahlo, Louise Bourgeois, Lygia Clark, Ligia Pape, Adriana Varejão, Rosalina Paulino, e molte altre. Prima ritratte nei dipinti di artisti prevalentemente maschili, oggi le donne sono in prima linea nella produzione artistica, con più autonomia e libertà, occupando sempre più spazio, esprimendo tutte le sue molteplici potenzialità e permettendo alle proprie emozioni di fluire in profondità. La mostra Arte “Contemporanea Feminina”, dunque, porta molteplici prospettive sul fare artistico. Gli artisti Beatriz Basso, Ilca Barcellos, Mary Dutra, Flavia Fernandes e Isabella Pedreschi, dal 31 marzo al 16 maggio 2021, instaureranno un dialogo polifonico tra i membri del Centro Cultural Correios (CCC-RJ) e interagendo attraverso le loro opere, installazioni, suoni, voci e personalità.
ARTISTE: BEATRIZ BASSO“Cor, Gesto, Emoção … a Trajetória” – “Colore, gesto, emozione … la traiettoria” (Sala C – 2 ° piano) Le opere di Beatriz Basso, artista astratta, sono caratterizzate da gesti, colori e consistenze, in varie tecniche pittoriche, attraverso le quali esplora e trasmette l’emozione riposta all’interno di ogni pennellata. La sua arte mostra, nella forza e leggerezza della donna, una forza della natura, sorprendendo le affermazioni del nuovo, dell’ignoto e dell’immaginario. “Voglio mostrare la forza e l’energia che un’opera d’arte può portare a una persona, quanta emozione può esprimere un dipinto e le sensazioni che, trasmesse, aiutano a superare qualsiasi situazione. La mia missione è portare il colore e la bellezza dove servono. ” Beatriz Basso è di Rio de Janeiro, figlia di genitori italiani e ha avuto la sua iniziazione artistica con la madre, Carla Basso, disegnatrice e pittrice. Laureata in Economia Aziendale e Analista Informatica, ha iniziato la sua formazione artistica professionale prima in Brasile, presso la Scuola di Arti Visive del Parque Lage, a Rio de Janeiro, prendendo lezioni con l’artista Orlando Mollica e allo Studio49 RJ, guidata dall’artista Edgar Fonseca, dove scopre nuovi aspetti della pittura. Si è trasferito nella patria dei suoi genitori nella città di Torino, in Italia, per approfondire e dedicarsi interamente all’arte. Formata dall’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino nel 2018, ha sviluppato il suo lavoro, inizialmente sotto l’influenza dell’espressionismo astratto e del Campo del colore degli anni Cinquanta-Sessanta, per seguire infine la sua sensibile matericità gestuale. Beatriz Basso è un’artista gestuale astratta, che realizza dipinti utilizzando più supporti. La sua serie di dipinti porta sempre una riflessione in difesa dell’ambiente, un retaggio di spiagge infinite, fitte e immense foreste, acque trasparenti e potenti cascate, vissute nell’infanzia in modo accattivante, con un’identità visiva ricca di colori, che si collegano a gli aspetti della vita contemporanea attraverso contrasti e concetti che nutrono il suo lavoro. Dal 2013 Beatriz si occupa di mostre, installazioni e performance. Alcune opere sono in collezioni private a Torino, Savona, Rio de Janeiro. “Credo nel cambiamento che l’arte porta all’Universo, credo in quell’energia che ci muove ed è stato nell’arte che ho potuto ampliarla”, conclude Beatriz Basso. Sito: www.beatrizbasso.it
ILCA BARCELLOS“Squatters” (Sala Filatelica – Piano Terra) Il termine “Squatt” significa, in inglese, l’atto di occupare spazi inutilizzati da persone che non hanno una casa – gli “Squatters” (occupanti) – e, anche, da coloro che li usano nelle loro manifestazioni artistiche. L’artista Ilca Barcellos fa proprio questo: si appropria dello spazio della Sala Filatelica con la sua installazione “SQUATTERS”. È un insieme di esseri fittizi – sculture in ceramica e schiuma espansiva – imitati e mimetizzati tra gli elementi della flora naturale. Precedentemente esposto alla Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea di Curitiba 2019, in questa installazione, esseri naturali e immaginari si avvicinano, per forma, colori e / o consistenza. La poetica della vita e il mutevole occupano lo spazio museale, prevedibile e fisso. Oltre a questa installazione, la mostra presenta anche collage digitali (chiamati crossing-over). Recuperando il concetto del genetista Thomas Morgan, i collage ricombinano frammenti di disegni realizzati tra il 2017 e il 2020, e fotografie della mostra Squatting tenutasi nel 2011, in cui le sculture in ceramica di Ilca Barcellos occupavano il giardino del Museo Storico di Santa Catarina. I Crossing-over sono, quindi, un insieme di meta-lavori elaborati dall’intreccio di lavori realizzati tra il 2010 e il 2020. Le opere esposte si rivelano come un’intersezione di opere realizzate nell’arco di un decennio in diverse fatture: sculture, installazioni, disegni e fotografie. Costruito attraverso il dialogo tra arte e scienza, naturale e artificiale, controllo e caso, sintetizzano insieme il percorso artistico di Ilca Barcellos: “Ho iniziato nell’arte attraverso il tridimensionale e la ceramica, a poco a poco ho esplorato altre fatture e linguaggi: installazioni, disegni, sculture, collage e dipinti “. Alla domanda su quali parole rappresentino la mostra “squatter”, Ilca Barcellos risponde: “pulsar e transgreda”- “pulsare e trasgredire”. Ilca Barcellos è originaria di Pelotas / RS, ma vive e lavora tra Florianópolis / SC e Belo Horizonte / MG. Artista visivo, laureato in Scienze Biologiche presso l’Università Federale di Santa Catarina e master in Biologia Vegetale presso l’Universite Pierre et Marie Curie, Parigi VI, unisce arte e scienza per esprimere il suo doppio viaggio. Sito web: www.ilcabarcellos.com
MARY DUTRASe foi, tempo” – “Se era, tempo” (Sala Bistrô – Piano Terra) La presentazione di questa mostra è dello storico e critico d’arte Ricardo Muniz de Ruiz. L’esposizione “Se foi, tempo”, di Mary Dutra, porta intense domande sul tempo. Divisa in tre momenti – osservazione del tempo, passaggio ed esistenza – la base della mostra è una trama di testi scritti con una macchina da scrivere, con il suo aspetto fisico lento e il suono forte, che consente un tempo solido per pensare. I testi sono iniziati nel 2020, insieme alla pandemia, dove le persone si sono trovate isolate a casa con i propri tempi. Testi che scavano nel subconscio sparso e confuso di domande senza risposta, che mettono in evidenza il modo unico in cui ogni persona affronta il proprio tempo. I dipinti, le installazioni, gli oggetti, le parole, i suoni ei video sono l’espressione visiva di quel tempo. “La mostra parla del tempo che è passato. Se potessi risparmiare il tuo tempo, dove lo salveresti? I diversi approcci riflettono su come trattiamo o sprechiamo il nostro tempo”, spiega l’artista Mary Dutra. Mary Dutra ha iniziato nelle arti plastiche 18 anni fa, con corsi a Firenze, in Italia e al Parque Lage a Rio de Janeiro, dove ha dedicato la sua espressione alla pittura. Ma è stato solo nel 2017, dopo le sue mostre a New York, che ha rivolto il pregiudizio del suo lavoro interamente all’arte. Alla ricerca di nuovi linguaggi e superfici, trova nell’espressione astratta un rinnovamento delle possibilità pittoriche. Quadri, parole, superfici, digitale. Le opere di Mary Dutra trattano di luce e tempo. La cattura di lenti statiche, il movimento di video e colori stampati che vengono confusi con gli inchiostri. I suoi dipinti sono in 16 città, in 8 paesi, in 4 continenti. Il suo studio è a Rio de Janeiro, ma usa il suo bagaglio imprenditoriale per creare progetti artistici e portare il suo lavoro in diversi paesi e culture. Mary Dutra si trova nel ruolo di stimolare altri artisti e giovani imprenditori, mostrando possibili percorsi, incoraggiando l’azione e dimostrando che la realizzazione è possibile. Per quanto riguarda la mostra, ritiene importante questa unione e forza di cinque donne, dove sempre più donne saranno un riferimento per grandi progetti e realizzazioni. Sito web: www.abstratoazul.com.br
FLÁVIA FERNANDES“Táctil” – “Tattile” (Sala B – 2 ° piano) La mostra “Táctil” porta un’installazione con oggetti gonfiati, colonne trasparenti e colorate che invitano al tatto grazie alla morbidezza del materiale; due quadri oggetto in vetroresina e resina, con colori e forme che ricordano la natura; e alcuni dipinti acrilici su tela che, sebbene astratti, erano basati sulla foresta nativa vicino allo studio, con i suoi rami e foglie che si intrecciano, creando forme e colori. Lo spettatore si sente invitato a passeggiare in questo giardino di colori e trame create e coltivate dall’artista. Flávia Fernandes, artista, made in Escola Brasil, ha conseguito un Master in Arti Visive presso l’Università Federale del Rio Grande do Sul e una laurea in Arti Plastiche presso FAAP / SP. Ha sede a Florianópolis, dove la sua arte si concentra su pittura, incisione, installazioni, interventi e video. Dal 2001 esegue interventi artistici nel paesaggio naturale e urbano, in vari luoghi pubblici, come Largo Victor Meirelles a Florianópolis, Largo São Bento a San Paolo, Bayenale Sao Francisco / USA, Università di Edimburgo, Alberoni, Venezia e Costão da Joaquina, Florianópolis. Ha partecipato al Transfrontier Expo da Arte Contemporanea alla 39a Biennale Internazionale di San Paolo e all’Area 10 alla Biennale di Londra, a Londra. Insegna corsi d’arte e cura alcuni curatori come i sei Festival di Arti Plastiche del Governador Celso Ramos / SC, e quello di Grupposinestetico – Synesthetically ad ognii costo, al MIS Florianopolis / SC. Espone dal 1975 in Brasile e all’estero e ha opere in diverse collezioni pubbliche. “Spero che le persone che visitano” Táctil “rimangano commosse e incantate. Dopo tutto, l’opera d’arte deve provocare incanto”, conclude Flávia Fernandes Sito: www.flaviafernandes.com
ISABELLA PEDRESCHI“Reverbério” – “Riverbero” (Sala Galeria de Arte – Piano Terra) La presentazione di questa mostra è dello storico e critico d’arte Ricardo Muniz de Ruiz. Riverbero. Ciò che riverbera. Ciò che ci colpisce come un sequel. Lo sguardo allo specchio che si appropria dell’immagine e la rigetta indietro. Nell’anno in cui l’isolamento è obbligatorio, guardare dentro è un’opzione praticabile. Macchine ferme, negozi chiusi, porte chiuse e strade deserte. La figura femminile si toglie l’uniforme e prende il sopravvento sul sé primitivo. Dove vanno i pensieri quando non c’è tempo per restare? La mostra di Isabella Pedreschi ritrae la donna e il peso del nuovo quotidiano, conseguenza del caotico scenario pandemico, con dettagli che provocano riflessione e un mondo di significati. Designer autodidatta, trova nelle arti visive e nella grafica il modo per esprimere il suo punto di vista culturale. Ma sentivo che mancava ancora qualcosa, la necessità di rompere le barriere del computer ed essere libero. Per annusare la vernice. Ha seguito diversi corsi di pittura, laboratori e lezioni, sia di storia dell’arte che di teoria del colore del maestro José Maria Dias Cruz, oltre a partecipare a diverse mostre, che gli hanno permesso di esprimere il suo punto di vista e la sua arte (Fonte: Manuela Titoto, autore del libro “Matéria-prima”) “Penso che sia molto bello essere tra le donne, credo che questo riconoscimento sia importante e avere questo spazio che, per molto tempo, è stato difficile per noi, molte volte da sole. Questo posizionamento sta cambiando paradigmi e rompendo archetipi. Situazioni e pensieri che per molto tempo sono stati tollerati e praticati, oggi hanno un altro significato, un’altra visione. (…) Attraverso l’arte riusciamo a connetterci con la nostra vera essenza “, dice Isabella Pedreschi. Sito web: www.bellapedreschi.com
SERVIZIO: Titolo mostra: ARTE CONTEMPORÂNEA FEMININA — Mostre individuali — . BEATRIZ BASSO – ” Cor, Gesto, Emoção … a Trajetória ” (Sala C – 2 ° piano) . ILCA BARCELLOS – “Squatters” (Sala Filatelica – Piano Terra) . MARY DUTRA – “Se foi, tempo” (Sala bistrot – Piano terra) . FLÁVIA FERNANDES – “Táctil” (Sala B – 2 ° piano) . ISABELLA PEDRESCHI – “Reverbério” (Sala Galeria de Arte – Piano Terra) — Curatori: Riccardo Tartaglia e Regina Nobrez – Tartaglia Arte — Critico d’arte: Ricardo Muniz de Ruiz (nelle mostre di Mary Dutra e Isabella Pedreschi, è storico e poeta, dottore in Storia sociale all’UFRJ e professore di Storia e Sociologia). — Inaugurazione: 31 marzo 2021, ore 19 — Periodo: dal 31 marzo al 16 maggio 2021 — Luogo: Rio de Janeiro Centro Cultural Correios – Rua Visconde de Itaborai, 20 Centro RJ — Giorni e orari: dal martedì al sabato, dalle 12:00 alle 19:00 — Entrata Libera — Censura gratuita — Ideato e organizzato da: Tartaglia Arte – www.tartagliaarte.org — Ufficio stampa: Paula Ramagem — Supporto: Centro Cultural Correios – RJ, Circulo Italo Brasileiro – SC, Consolato Onorario Italiano – Florianópolis / SC, Ministero delle comunicazioni – Governo federale Brasile — NOTA: Il Centro Culturale Correios e gli artisti seguono le regole di non agglomerazione, con un numero ridotto di visitatori. È obbligatorio l’uso di maschere e gel alcolico.

Scarica qui il file del comunicato e dell’invito   Portoghese     Italiano      INVITO