Arturo Mazzola

locandina mazzola2-1

MOSTRE, ROMA, 15 APRILE 2010

La Galleria Tartaglia Arte propone, per l’occasione della “Settimana della Cultura”, l’artista Arturo Mazzola (Milano 1921-1995), straordinario autore nel panorama artistico della sua generazione.

Tartaglia Arte si pregia di riproporlo a Roma, con la prospettiva di creare un archivio delle opere e di tutte le pubblicazioni che lo riguardano, dopo la sua permanenza in istituzioni di grande rilievo in molte città italiane come per esempio la Casa del Mantegna a Mantova.
Per questa mostra sono state scelte circa 20 opere uniche grafiche e pittoriche degli anni 70-80 eccezionalmente messe a disposizione dalla famiglia.

Le figurazioni di Mazzola, così come si presentano oggi, sono il risultato di una sintesi figurale conseguente allo sforzo per giungere a produrre immagini dell’indicibile e dell’inudibile quali iconogrammi dell’invisibile. Mazzola spolpa il colore, toglie emotività al gesto pittorico fino a condurre le sue immagini, ritrovate nelle sideree dimensioni del silenzio e della contemplazione introspettiva, all’aspetto di esatti teoremi dell’irrazionale. Sono figurazioni tanto personali, tanto «pagate» da parte dell’artista in termini di partecipazione da non essere paragonabili ad altre. L’impressione che si riceve dalle nitide superfici dei dipinti di Mazzola è quella di un accuratissimo calcolo dell’emozione.

“…la pittura di Mazzola – anche a chi ignori ogni suo dato biografico – appare oggi come una forma artistica matura e compiuta, che si stacca, senza dubbio, da quella che è la strada maestra dell’arte attuale, pur avendone assorbito ed adottato il linguaggio, ma che se ne differenzia soprattutto per l’estrema originalità delle immagini…” Gillo Dorfles.

⇐⇐⇐ Torna indietro