Benedetto Robazza – L’Inferno di Dante – Museum of Art, Ningbo – Cina

MOSTRE, CINA, NINGBO, GENNAIO 2012

a cura di Riccardo Tartaglia e Zhang Peng

Organizzazione: di Ningbo Museum of Art, Europe-China Culture & Economy Commission, Z &J Communication
Co-organizzazione: Romauno, Galleria Tartaglia Arte, Ass. Fucina Italo-Cinese
Patrocinio di Roma Capitale

Ufficio stampa: ROMAUNO – TAAR Press Office by Regina Nobrez – Z &J Communication

Inaugurata: giovedì 12 gennaio

Continua l’esposizione della grandiosa opera d’arte realizzata dal Maestro Benedetto Robazza che, in sculture in altorilievo, racconta il viaggio di Dante e Virgilio negli Inferi “Inferno”.

La seconda tappa espositiva sarà inaugurata il 12 gennaio 2012 al MUSEUM OF ART di Ningbo, una delle città più antiche della Cina, con una storia che risale al 4800 a.C. nel periodo neolitico riferito alla cultura di Hemudu. Ningbo era nota, almeno 2000 anni fa, come città commerciale sulla via della seta.

La mostra, patrocinata da Roma Capitale organizzata da Romauno, Galleria Tartaglia Arte e dall’Associazione Culturale Italo Cinese Fucina, dedicata su circa 150 metri lineari, resterà a Ningbo fino al 12 febbraio, assieme a 6 splendide sculture in bronzi ( Walchiria, Marylin, Leda e il Cigno, Rapimento e Sagittario)

Il Museo
non-profitto istituto culturale che è sotto il controllo diretto di Ningbo Federazione dei circoli letterari e d’arte. Attraverso l’esposizione, raccoglie, ricerca e promuove opere di eccellenti artisti virtuosi della Cina e del mondo, è uno dei top-class musei della nazione, con le sue caratteristiche artistiche e uniche. l Museo è situato nella zona del Bund, il fiume di Yong in oriente. fa parte nella storia di un paese natale di inizio trasporti marino e commerciale di Ningbo. Convertito e ricostruito, il Museo conserva la costruzione della torre di controllo portuale che, unita alla singolare forma architettonica di dual-shell base quadrata, simboleggia un “Arca dell’Arte”, situata lungo il fiume. Utilizzando luci decorazione in loco, il Museo brilla come una perla scintillante sotto il cielo stellato. L’edificio principale possiede una ampia sala espositiva, due sale principali e secondarie cinque sale espositive, sale conferenze che può ospitare 400 persone, Art saloon, studio artista, centro di educazione e gallerie, con una superficie complessiva di 5.300 metri quadrati

L’opera
Esposta al pubblico per la prima volta nel 1995 presso la Sala Brunelleschi del Palazzo degli Innocenti a Firenze, e a Maggio 2010 in Largo Giovanni XXIII a Roma, ai piedi di Castel San’Angelo, e poi partire per un tour espositivo nel mondo, da Johannesburg per i Mondiali di calcio, a Bruxelles al Parlamento Europeo, Cina, e prossimamente in Giappone e Brasile. L’opera è costituita da 18 pannelli in marmo resina e ripercorre tutto il viaggio di Dante e Virgilio all’Inferno, trasportando fedelmente in materia quanto raccontato nei 34 canti danteschi. Il risultato è un continuum di sculture in altorilievo per una superficie complessiva di 90mq che racchiudono tutti i 34 canti de L’inferno. Ogni pannello misura 2,5mt x 2mt. Un impatto visivo ed artistico imponente oltre che unico al mondo.

L’artista
Benedetto Robazza nasce a Roma il 2 marzo del 1934 alla Consolazione, un piccolo rione nel centro della città. Dopo una dura gioventù di stenti e povertà segnata dalla guerra, Robazza decide di soffocare momentaneamente ciò che ha nel cuore e partire in cerca di fortuna all’estero e in particolare in America. Robazza vuole con tutte le sue forze esprimere in pittura e scultura ciò che ha dentro, ponendo nelle sue opere un profondo significato d’amore contro la violenza. Oggi, tornato in Italia, dopo molto tempo trascorso all’estero a sperimentare nuove forme e nuove linee, ha realizzato una serie di opere di grande prestigio con una inesauribile creatività (preferendo sempre più la scultura). A titolo di esempio ricordiamo: il monumento nel Sacrario di Bari sui caduti d’oltremare, le opere a ricordo del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, e per una sua ennesima opera viene insignito della medaglia ad honorem dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Contro la violenza realizzò il busto del calciatore Luciano Re Cecconi; “Amore e solidarietà” (consegnata nel 1979 a Sandro Pertini, nel 1980 a Giovanni Paolo II); il bassorilievo in bronzo per Aldo Moro e la sua scorta; l’altorilievo in memoria degli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu (uccisi fuori la sede romana della Democrazia Cristiana). Opere che rappresentano personaggi illustri sono: il Cristo per la Cattedrale di Santa Maria Assunta (Altamura); Papa Karol Wojtyla; Alcide De Gasperi; Alberto Sordi: il Cancelliere tedesco Franz Josef Strauss. Realizza il monumento in bronzo di Alfredo Rampi. Altri bronzi sono quelli regina thailandese, Sirikit, e di Re Bhumibol. Per le vittime del terrorismo, sia civili che militari, realizza il monumento della Madonna della Pace, in viale Mazzini, Roma, nonché il monumento ai caduti d’oltremare per il Sacrario di Bari. Realizza il bronzo del giudice Girolamo Tartaglione, e uno in onore del Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan (opera affidata alla Casa Bianca, posta nella Sala Roosevelt). un monumento a Rodolfo Valentino è ospitato nel National Park di Los Angeles; il ritratto a Frank Sinatra, suo grande amico; Monumento 33a Strada (New York – Fondazione di Cuomo); Monumento Fontana il no alla caccia (Salt Hompton – New York); Fontana Mosè (Bocca Rotonda – Florida); Genocidio Cambogiani (Palazzo di Vetro ONU -New York). Legato per motivi familiari alla Città di Rocca Priora, a cui ha donato moltissime opere, tra le quali il monumento fontana “Il Narciso”, il mezzo busto di Giovanni Paolo II, il percorso della Via Crucis e il “Cavallo e Fontana”. Con queste donazioni e con la casa-museo dell’artista in via di Molara, Rocca Priora può considerarsi un vero e proprio museo all’aperto contenente numerose opere realizzate dal Maestro Robazza,

—– english

curated by Riccardo Tartaglia e Zhang Peng

Italian Sculpture Exhibition of Dante’s Divine Comedy “Inferno”

Continuous exposure of the great work of art created by Master Benedict Robazza, sculptures in high relief, recounts the journey of Dante and Virgil in Sheol ‘Hell’.
The second stage will be inaugurated the exhibition January 12, 2012 the MUSEUM OF ART in Ningbo, one of the oldest cities in China, with a history dating back to 4800 bc in the neolithic period reported to the culture of Hemudu. Ningbo was known, at least 2000 years ago, as commercial city on the silk road.
Non-profit cultural institution that is under the direct control of Ningbo Federation of literary and art circles. Through the exhibition, collect, research and promotes works of excellent artists virtuosi of China and the world, and one of the top-class museums of the nation, with its artistic features and unique.
The Museum is located in the area of the Bund, the river of Yong in the east, in the history of a country christmas at the beginning marine transport and trade of Ningbo. Converted and rebuilt, the Museum preserves the building of the tower of port control that, together with unique architectural form of dual-shell square base, symbolizes a ‘Ark of Art’, situated along the river. Using lights decoration on the spot, the Museum shines like a pearl glittering under the starry sky.
The main building has a large exhibition hall, two main halls and secondary five exhibition halls, conference rooms that can accommodate 400 persons, Art saloon, studio artist, education center and galleries, with a total area of 5,300 square meters

THE work displayed to the public for the first time in 1995 at the premises of the Brunelleschi Room of Palazzo degli Innocenti in Florence, and May 2010 in Largo Giovanni XXIII in Rome, at the foot of Castel Sant’Angelo, and then leave for a tour exhibition in the world, from Johannesburg for the World cup, in Brussels to the European Parliament, China, Each panel measure 2.5 mt x 2mt. A visual impact and artistic impressive as well as unique in the world.

The artist Benedict Robazza was born in Rome on March 2 of 1934 the Consolation, a small district in the center of the city. After a hard youth of hardship and poverty marked by war, Robazza decides to stifle momentarily what he has in his heart and leave in search of fortune abroad and in particular in America.
Robazza wants with all its forces to express in painting and sculpture what has inside, placing in his works a deep meaning of love against the violence.

Today, he returned to Italy, after a long time spent abroad to experiment with new forms and new lines, has created a series of works of great prestige with an inexhaustible creativity (preferring increasingly sculpture). Works representing illustrious characters are: the Christ for the Cathedral of Santa Maria Assunta (Altamura); Pope Karol Wojtyla; Alcide De Gasperi; Alberto Sordi: german Chancellor Franz Josef Strauss. Realizes the monument in bronze of Alfredo Rampi. Other bronzes are those queen thai, Ananta Samakhom, and King Bhumibol.

For the victims of terrorism, both civilian and military, achieves a monument of Our Lady of Peace, in viale Mazzini, Rome, and the monument to the fallen overseas for the Shrine of Bari.
Realizes the bronze of the judge Jerome Tartaglione, and one in honor of the President of the United States Ronald Reagan (the work entrusted to the White House, placed in the Hall Roosevelt), a monument to Rodolfo Valentino is housed in the National Park of Los Angeles; The portrait of Frank Sinatra, his great friend; Monument 33Street (New York – Foundation of Cuomo); Monument Fountain a no hunting (Salt Hompton – New York); Fontana Moses (Mouth Roundabout – Florida); Genocide Cambodians (Glass Palace UN – New York).

For family reasons linked to the town of Rocca Priora, which gave many works, among which the monument fountain ‘Narcissus’, the bust of John Paul II, the Via Crucis and the ‘Horse and Fountain’.
With these donations and with the house-museum of the artist in via of Molara, Rocca Priora can be considered a real open-air museum containing many works by the Master Robazza,

 

⇐⇐⇐ Torna indietro