“Il futuro e’ già’ passato (…ma non ero presente!)” Stefano Davidson

MOSTRE, ROMA, MARZO 2008

La Galleria Tartaglia Arte, venerdì 7 marzo alle ore 18.00, ha presentato la mostra pittorica dell’artista genovese Stefano Davidson dal titolo “Il futuro è già passato (…ma non ero presente!)” con la direzione artistica di Riccardo Tartaglia.
I dipinti di Stefano Davidson sembrano voler raffigurare un mondo differente da quello reale, quotidiano, nonostante spesso ne utilizzi le forme e non si possa fare a meno di catalogarli tra i “figurativi” più classici. Nei suoi quadri si respirano però atmosfere molteplici e si va da quelle vagamente legate ad una sorta di neo-romanticismo, ad altre che si impennano nell’allegoria; ci si trova poi a precipitare con rapide picchiate nel fantastico o, addirittura, si vira bruscamente nell’onirico dove, spesso, ci si accosta a quell’istanza profonda che Freud ha descritto nel teorizzare l’inconscio. Nell’opera di Davidson quindi non si tratta più di osservare la natura così com’è o di leggervi un mondo a noi familiare, nonostante l’artista si esprima attraverso tratti assolutamente formali e palesemente realisti, ma di attingere a qualcosa di insolito che allontani lo spirito dal quotidiano, che dia voce alle angosce e, perché no, alle nevrosi, che presti lo sguardo al sogno più profondo.

Davidson è anche scrittore. In occasione della mostra si potranno trovare in galleria i seguenti libri:
Armonicum, il violino di Dio — Inchiostro d’assenzio – Si salvi chi vuole

IL FUTURO E’ GIA’ PASSATO (… ma non ero presente!)

Nel 1962 Picasso e il suo cubismo erano ormai storia. Dalì aveva già esagerato l’esagerabile, mentre Magritte, Ernst, Mirò e tutta la banda surrealista se ne stava in attesa del meritato pensionamento dopo il tanto dato alla causa. Vicino a loro, nelle medesime condizioni sedevano Picabia, Arp, Duchamp e tutto il Dada.
Come se non bastasse le astrazioni di Klee e Kandinsky si stagliavano già belle che tatuate nella memoria di tutti e persino Balla, Depero e Boccioni, i cosiddetti futuristi ormai erano demodé. Cos’altro poi… mmm…bé, Fontana aveva già manifestato ampiamente i suoi concetti spaziali e tagliato e forato la bidimensionalità della tela, Burri aveva analizzato e “insaccato” tutte le sue sperimentazioni più importanti, combustioni comprese; l’action painting di Kline e Tobey aveva già dato, così come il dripping del loro “socio” Jackson Pollock. Senza contare che ormai anche Warhol, Johns e Raushenberg avevano già spremuto il meglio di sé e della loro Pop Art, e si riposavano su di un “letto” pensando magari a “4 Marylin”.
Ecco qua! Riassumendo, nel 1962 in pittura, il futuro, quello vero, era già andato.
E io? Cosa stavo facendo?
Nascevo!…

Da qui il titolo di questa mostra, che vuole essere un omaggio reverente a tutti quelli che hanno espresso in pittura tutto quanto fosse esprimibile, lasciando però delle piccole nicchie tra un idea e un’altra dove io, ed altri come me, possono coltivare le proprie convinzioni, rielaborando ogni teoria ed ogni concetto, all’ombra del loro genio.
Stefano Davidson

A cura di: Riccardo Tartaglia
collaborazione all’allestimento: Monica Falco

Stefano Davidson è nato a Genova il 29/05/1962. Pittore, scrittore e giornalista Vive e lavora a Roma.
Principali mostre ed esposizioni: Paranoipnol – Schegge di delirio – (Personale -Bologna 1991) Bagliori dal profondo (Personale – Galleria El Actico -Porlamar, Isla Margherita, Venezuela 1994) Equilibrium -Cats on the roof- (Personale – Casino’ -Malindi, KENYA 1997) Syri Ya M’buyu – Il segreto del baobab – (Personale – Haita House -Malindi, KENYA 1998- Ritratti d’Autori (Personale – Libreria Riminese – Rimini, 2003) Jazzapennello (Personale – Galleria dell’Iridis -Rimini, 2004) All that jets (Personale –Isola della moda – Milano, 2005) La cognizione del colore (Personale – Le Myricae Arte e Antiquariato – Roma, 2006) Proposte 4 (Collettiva – Teatro Eliseo – Roma 2007), 13×17 a cura di Philippe Daverio (Collettiva – Padiglione Italia – Venezia 2007) Personale all’Isola del Cinema (Personale – Isola Tiberina Roma – 2007).

come scrittore ha pubblicato:
Pochi attimi (Edizioni Gemini – Verona -1984) Si salvi chi vuole (Gianni Monduzzi Editore – Bologna – 1998) Moto perpetuo in chiave di sol ( La Voce Editore – Rimini -1999) Armonicum – il violino di Dio – ( Raffaelli Editore – Rimini -2000) Inchiostro d’assenzio (Raffaelli Editore – Rimini – 2001) Si salvi chi vuole! (Raffaelli Editore – Rimini – 2006) La cognizione del colore (Raffaelli Editore – Rimini -2007).

⇐⇐⇐ Torna indietro