Ricomposizione del cosmo di Renzo Eusebi

MOSTRE, ROMA, 2 OTTOBRE 2012

Mercoledì 3 ottobre alle ore 18,00 la galleria Tartaglia Arte nell’ambito dell’ ottava edizione della “Giornata del contemporaneo”, un evento nazionale promosso dall’AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiana), apre il vernissage della mostra personale “Ricomposizione del cosmo” dell’artista Renzo Eusebi.

Tra la Frammentazione e la Ricostruzione spaziale, l’artista propone le sue ultime creazioni frutti di ricerca, studio sull’astrattismo e sulla strutturazione del Cosmo. Tavole elaborate a smalti generate da un trascorso pittorico/artistico di notevole prestigio in cui il Transvisionismo e le Avanguardie storiche hanno delineato un percorso costellato di incontri con insigni esponenti dell’arte contemporanea.

BIOGRAFIA

Il maestro Renzo Eusebi nasce nel 1946 a Patrignone di Montalto. Compie gli studi artistici a Roma e consegue l’abilitazione per l’insegnamento.

Negli anni ’70-’80 inizia la sua personale ricerca artistica che lo porta all’inserimento del materico, allo strappo su superfici monocrome fino a coaguli misti al vetro e alla pittoscultura in ferro e legno negli anni ’90.

E’ uno dei 21 fondatori del Transvisionismo dal quale si dimette però nel 1997 per entrare a far parte del G.A.D. (Gruppo Aniconismo Dialettico) fondato da Giorgio Di Genova.

Nel 2001 inizia la serie dei Polittici. Nel 2010 entra nella “Storia dell’Arte Italiana del Novecento, Generazione Anni 40”.

Ha esposto in importanti fiere Internazionali a Basilea, New York, Chicago e San Francisco, mostre collettive ed esposizioni Personali sia a Piacenza che a Monte Cassiano.

Una intensa vita artistica fra i cardini dell’Espressionismo, Astrattismo e Spazialismo

I lavori del maestro Eusebi sono veri e propri studi sullo spazio e sull’elemento all’interno di un contesto cosmico. Sostanza e materia si scompongono per poi ricomporsi di nuovo in opere geometriche, astratte, lavorate a smalto con cromie accese ed in netto contrasto tra loro o con lo sfondo, anch’esso finemente trattato a vernice. Osservando i suoi lavori si percepisce la diversa predisposizione dell’artista verso la materia e nel modo di dialogare con essa, liberando l’istinto, focalizzando lo sguardo solo qualche istante (…)

Tiziana Tamburi

⇐⇐⇐ Torna indietro